Ettore Molini

Valbrevenna – (Ge)
tel. +393288886305 - +393406194392
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La mia storia

Ho studiato elettronica ma il richiamo della  natura era troppo forte...

La mia azienda nasce nel 1999, non da una tradizione familiare, ma da la mia passione per il territorio. Sono nato e cresciuto a Montoggio, in un ambiente agricolo ormai in declino, sono riuscito però a conoscere ancora qualche personaggio di quelli di una volta e da loro ho assimilato le conoscenze di una cultura contadina che per secoli ha dato da mangiare a generazioni di compaesani.
Proprio con la consapevolezza che questa terra avrebbe potuto sfamare ancora, ho deciso di rilevare un'azienda di un pensionato e ho incominciato a lavorare.
Negli anni ho provato a fare tante cose ma alla fine ciò che tiene in piedi la mia famiglia sono le patate. A questa produzione ho affiancato recentemente la produzione di farina, avvicendando il grano alla coltivazione delle patate. 
Sino dai primi anni di attività ho pensato che fosse importante allevare dei bovini e la mia scelta è subito andata verso la razza Cabannina. Avendo a disposizione un pascolo abbandonato ho pensato che la linea vacca -vitello fosse la scelta giusta, essendo difficile raggiungere i pascoli per la mungitura.
Nonostante parecchi pareri contrari ho allevato centinaia di bovini da  carne e tante manze anno preso la via della stalla per produrre formaggi, ed è quello che faccio ancora, oggi più forte che mai  grazie all'associazione che abbiamo creato.

La mia azienda

Il mio allevamento ha la sede a Carsi in alta Valbrevenna. Gli animali sono allevati allo stato semi-brado ovvero pascolano 250 giorni all'anno sul crinale che divide le valli Brevenna e Pentemina, all'interno del territorio del parco regionale del monte Antola, su di una superficie di circa 100 ettari. I restanti giorni vengono ricoverati in una struttura a tunnel adiacente ad un castagneto secolare dove si spostano in libertà all'interno di un recinto. Sono alimentati a fieno in gran parte autoprodotto integrando con una miscela di cereali e sostanze proteiche nel rispetto del disciplinare di produzione. Inoltre in autunno si nutrono delle castagne del bosco e in inverno aggiungo alla razione la crusca ottenuta dalla molitura del grano da me coltivato.
La monta avviene in maniera naturale, con il toro, che viene lasciato libero assieme alle vacche. I parti avvengono quasi tutti in primavera in modo che i vitelli possano alimentarsi con l'erba del pascolo e il latte delle madri, approfittando della stagione migliore per crescere rapidamente. Dopo circa otto mesi vengono separati dalle nutrici, che terminano la gravidanza in tranquillità, alcuni sono pronti per la macellazione, altri vengono venduti ad altre aziende dell'associazione per allevamento o per l'ingrasso, altri vengono allevati ancora in azienda per essere in seguito macellati.
Le macellazioni avvengono nel macello autorizzato di B.L.M. a Tribogna, la carne viene lavorata e confezionata in pacchi da cinque chilogrammi contenenti sacchetti sotto vuoto da un chilo di fettine, bistecche, bollito macinato e un arrosto.
Si accettano richieste differenti per accontentare i clienti a seconda delle varie esigenze.
Con la carne di vacche a fine carriera il laboratorio B.L.M. produce un salame misto bovino-suino, ( la parte grassa viene da maiali biologici allevati allo stato brado ) utilizzando solamente i conservanti obbligatori per legge.
Utilizzando come concime naturale il letame proveniente dall'allevamento di Cabannine coltivo patate nelle piane di Casalino di Montoggio e patate Quarantine a Carsi (sui terreni dove pascolano i bovini), su una superficie totale di circa due ettari.
La coltivazione delle patate viene avvicendata a quella del grano, per far riposare un po' il terreno, per la produzione della paglia, necessaria per la stabulazione invernale dei bovini, ma soprattutto per il frumento. Da questo ottengo, attraverso la molitura, la farina tipo 1 e la crusca, utilizzando un mulino a macine in pietra.
Mi piace mettere nell'elenco delle mie produzioni anche la musica, che suono con tanta passione; infatti accompagno con la fisarmonica le melodie dell'antico piffero, strumento tradizionale delle quattro province, animando feste paesane in giro per la montagna... la stessa dove si alleva la nostra vacca Cabannina.

Vacche adulte: 14
Manze: 4
Toro da riproduzione: 1
Vitelli: 10
Capi all’ingrasso: 4

Prodotti: Vitelli,  carne, salame, mostardella.

 

Stampa Email

Tutti i prodotti di Molini

il salame

il salame

Patate

Patate

Quarantine

il salame

il salame

la farina

la farina

macinata a pietra

Patate

Patate

Rosse, bianche e gialle

la farina

la farina

macinata a pietra

carne

carne

Tutto in una scatola di cartone una confezione mista di: arrosto, fettine, bistecche, bollito e macinata in pacchi sotto vuoto

la farina

la farina

macinata a pietra

carne

carne

Tutto in una scatola di cartone una confezione mista di: arrosto, fettine, bistecche, bollito e macinata in pacchi sotto vuoto

APARC
Associazione Produttori Allevatori Razza Cabannina

Registr. n° 3094 del 21-04-2016
C.F.90071530100

Località Costa del Prato, Perlezzi, Borzonasca (GE), 16041

Presidente Luca Quirini: +393926338186

ico mappa area diorigine diffusione